Descrizione

Fu il primo nucleo massetano che, insieme a Borgo, si formò alle falde del Castello di Monteregio, dimora del Signore del feudo e successivamente del Vescovo.

Quando sul finire del secolo X o agli inizi del XI fu costruita la primitiva chiesa di San Cerbone, divenuta per successivi ampliamenti l’odierna cattedrale, attorno ad essa sorsero e si moltiplicarono le case di coloro che salivano da Massa Veternensis o erano attratti dal lavoro nelle miniere di argento e di rame.

Fra essi, di fronte al feudo dominante, germogliò il fermento della libertà e nacque coscienza di popolo. A buon diritto fino da allora ebbe l’appellativo di Cittavecchia, quale genitrice e quindi pernio vitale di Massa di Maremma durante il tempo glorioso della sua Repubblica, come attestano i palazzi del Comune, del Podestà e del Giudice Assessore, nei quali si assumevano le supreme decisioni e si amministrava la giustizia.

Appartennero a questo Terziere famiglie illustri, quali i Biserno della Gherardesca, i Segalari, i Pannocchieschi, i Butini, i Neri, i Todini e gli Avveduti, della cui stirpe Nuta Nera, madre di San Bernardino.

Forse per la prima volta, nella storia dell’urbanistica occidentale, troviamo riuniti in un medesimo ambiente, la piazza, tutti gli edifici necessari alla vita pubblica di una città.

Dove siamo
Seguiteci su
mood_bad
  • No comments yet.
  • chat
    Add a review

    Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima o terza parte che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare rapporti di utilizzo della navigazione (cookie statistiche) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Attivando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy Cookie policy